Chi siamo

Ieri

Mio nonno coltivava queste terre e ha mantenuto la sua famiglia nei momenti difficili della guerra. La generazione successiva, quella di mio padre, negli anni  del boom economico ha cavalcato l’onda dell’edilizia, ma sempre con un occhio verso le proprie origini. È così che i risparmi son sempre stati investiti in campi attorno a quel pezzo di terra dove era cresciuto.

Per anni queste terre hanno prodotto in prevalenza mais, una rendita sicura e non troppo lavoro dal momento che l’attività principale era un’altra.

Oggi

Sta per finire un secolo, l’edilizia ha fatto il suo corso, è il momento di pensare a qualcosa di diverso. È così che nel 1997, da un’idea di mia mamma, nasce il Frutteto del Palù con le prime piantagioni di alberi di melo. Io ero piccolo e ho visto con me crescere gli alberi e i loro frutti erano sempre meglio

Adesso l’azienda la conduciamo io e mia mamma, si estende su una superfice di 7 ettari, di cui un ettaro e mezzo è dedicato al meleto, che produce le mele per il nostro eccellente succo, un ettaro al radicchio tardivo, altrettanto agli asparagi, mezzo ettaro di kiwi e il resto alla coltivazione della verdura di stagione.

Domani

Cosa sarà domani non è facile prevederlo, ma noi cerchiamo di conservare al meglio queste terre per far in modo che possano dare sempre questi buoni frutti.

Per questo motivo la nostra missione è coltivare frutta e verdura di alta qualità, in modo sano, responsabile, sostenibile per l’ambiente. Utilizziamo le tecniche più avanzate di lotta integrata contro i parassiti e curiamo direttamente la vendita dei nostri prodotti, senza intermediari, secondo la filosofia del chilometro zero.